pof-l'offerta formativa - Istituto Parentucelli - Arzelà

Vai ai contenuti

Menu principale:

pof-l'offerta formativa

Questa pagina è stata visitata 889 volte !


 4. L’OFFERTA FORMATIVA
 
I CORSI E I PIANI DI STUDIO

L’Istituto Scolastico Parentucelli-Arzelà si configura come unico Polo Scolastico Superiore della Val di Magra e dei comuni toscani limitrofi, e offre la possibilità di scegliere un corso di studi in uno qualunque dei tre indirizzi della scuola secondaria superiore
     
Liceo     
Tecnico   
Professionale

L’offerta formativa molto ampia permette agli studenti di scegliere il corso che più si addice alle sue capacità ed ai suoi interessi culturali, nonché di programmare il suo futuro formativo come prosecuzione degli studi all’università e/o inserimento nel mondo del lavoro. La strutturazione dei corsi secondo il riordino della scuola superiore, a regime da quest’anno, (http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesuperiori/index.html#regolamenti) 
ha individuato obiettivi comuni nel primo biennio, il che permette un facile riorientamento all’interno dell’Istituto stesso nel caso in cui la prima scelta risultasse non idonea. Più precisamente, i corsi di studio che si possono scegliere per ciascun indirizzo sono
     
Liceo classico    
Liceo scientifico  
Liceo scientifico a curvatura sportiva    
Tecnico Amministrazione Finanza & Marketing      
Tecnico Turistico     
Professionale Servizi per l’Agricoltura (Agrario)
e, dal prossimo anno scolastico, saranno avviate altre “curvature”      
Liceo classico a opzione Teatrale    
Liceo classico a opzione Musicale     
Liceo scientifico a opzione Bilingue
 
LICEO CLASSICO

“Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica.
Favorisce una formazione letteraria, storica e filosofica idonea a comprenderne il ruolo nello sviluppo della civiltà e della tradizione occidentali e nel mondo contemporaneo sotto un profilo simbolico, antropologico e di confronto di valori.
Favorisce l’acquisizione dei metodi propri degli studi classici e umanistici, all’interno di un quadro culturale che, riservando attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni fra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà.
Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze a ciò necessarie.” (Regolamento dei Licei, art. 5 comma 1, vedi link precedente)
 
      LICEO CLASSICO – OPZIONE TEATRALE E MUSICALE

Nel rispetto delle quote orarie di autonomia e flessibilità nei Licei (DPR n. 275 del 1999 art. 8), l’Istituto propone per il prossimo anno scolastico una opzione Teatrale ed una opzione Musicale per il liceo Classico.
La diminuzione di un’ora settimanale per alcune discipline (in rosso) permette l’introduzione di insegnamenti specifici (in blu) in collaborazione con esperti professionisti dei due settori
 
quadri orari settimanali
per l’indirizzo classico e per le due opzioni Teatrale e Musicale sono descritti qui di seguito.





LICEO SCIENTIFICO
 
“Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica.
Favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali.
Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale”
(Regolamento dei Licei, art. 8 comma 1 vedi link precedente).



 

 
LICEO SCIENTIFICO – “CURVATURA” SPORTIVO
 
In data 23 maggio 2013, il Collegio dei Docenti ha approvato, nel rispetto della normativa vigente sulle quote orarie di autonomia e flessibilità nei Licei (DPR 89/10, DPR 275/99, CM 10/139) e ispirandosi al regolamento di organizzazione dei percorsi della sezione ad indirizzo sportivo del sistema dei licei, a norma dell’articolo 3, comma 2, del d.p.r. 15 marzo 2010, n. 89 (poi DPR 52/13), l’attivazione del Liceo Scientifico - curvatura “sportivo”.
Dall'anno scolastico 2013-14 è attiva una sezione (denominata S), autorizzata dall'Ufficio scolastico territoriale.
 
LICEO SCIENTIFICO – OPZIONE BILINGUE
 
Dall'anno scolastico 2015/16 , nel rispetto della normativa vigente sulle quote orarie di autonomia e flessibilità nei Licei (DPR 89/10, DPR 275/99, CM 10/139) sarà attivata una sezione di liceo scientifico con opzione bilingue, nel cui quadro orario verrà inserito lo studio di una seconda lingua comunitaria oltre l’inglese.

 





TECNICO: AMMINISTRAZIONE FINANZA & MARKETING
 
Il Diplomato in “Amministrazione, Finanza e Marketing” ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell’economia sociale. Integra le competenze dell’ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell’azienda e contribuire sia all’innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell’impresa inserita nel contesto internazionale.
 
Attraverso il percorso generale, è in grado di: 
       
  • rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali;       
  • redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali;    
  • gestire adempimenti di natura fiscale;       
  • collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell’azienda;        
  • svolgere attività di marketing;         
  • collaborare all’organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali;        
  • utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing.     
 
(Regolamento degli Istituti Tecnici Allegato B1, vedi link precedente).
 


TECNICO: TURISTICO
 
Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali.
Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico ed ambientale. Integra le competenze dell’ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell’azienda e contribuire sia all’innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell’impresa turistica inserita nel contesto internazionale.
 
E’ in grado di: 
  
  • gestire servizi e/o prodotti turistici con particolare attenzione alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico, artistico, culturale, artigianale, enogastronomico del territorio;      
  • collaborare a definire con i soggetti pubblici e privati l’immagine turistica del territorio e i piani di qualificazione per lo sviluppo dell’offerta integrata;      
  • utilizzare i sistemi informativi, disponibili a livello nazionale e internazionale, per proporre servizi turistici anche innovativi;        
  • promuovere il turismo integrato avvalendosi delle tecniche di comunicazione multimediale;     
  • intervenire nella gestione aziendale per gli aspetti organizzativi, amministrativi, contabili e commerciali.
 
(Regolamento degli Istituti Tecnici Allegato B2, vedi link precedente).



 


PROFESSIONALE:
Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale
AGRARIO
 
L’Istituto Parentucelli-Arzelà, essendo accreditato presso la Regione Liguria in regime di sussidiarietà, dà la possibilità di acquisire la qualifica professionale regionale di OPERATORE AGRICOLO
al termine del 3° anno in quanto l’Istituto ha attivato il percorso IeFP adeguato.
La qualifica di operatore agricolo contribuisce alla costituzione di professionalità ricche ed approfondite nel settore dell’agricoltura, della tutela dell’ambiente e dei parchi, delle trasformazioni agroindustriali e dei relativi indotti. Il lavoro in classe viene svolto in alternanza con le attività sul campo, in serra ed in laboratorio, realizzando così il legame tra scienza e tradizione in ambito agroambientale.
La scelta di terminare il corso al quinto anno porta al rilascio del diploma di istruzione professionale nell’indirizzo “Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale”
 
Il diploma di agrotecnico consente di:
       
  • col percorso quinquennale proseguire gli studi verso facoltà quali Scienze agrarie, Veterinaria, Biologia, Scienze forestali e nei moderni indirizzi rivolti all’alimentazione umana e all’ambiente     
  • lavorare in proprio in qualità di consulente, tecnico del verde, progettista e manutentore di giardini pubblici e privati      
  • inserirsi come operatore qualificato in aziende agrarie e biologiche, aziende agrituristiche e florovivaistiche di prodotti agricoli per attività altamente specializzate       
  • proporsi come operatore per la salvaguardia dell’ambiente, per la promozione delle produzioni tipiche, per le attività agrituristiche ed enogastronomiche







I PROGETTI (QUADRO SINOTTICO)







 
I SERVIZI PER GLI STUDENTI
 
ACCOGLIENZA
           
All’inizio di ogni anno scolastico l’Istituto si impegna, con l’azione di una apposita commissione e di tutti gli operatori del servizio, a favorire l’accoglienza dei genitori e degli alunni delle classi prime, l’inserimento e l’integrazione di questi ultimi, con particolare riguardo alla fase d’ingresso nelle classi. Particolare impegno è prestato per la soluzione delle problematiche relative agli studenti stranieri e a quelli in situazione di handicap.
In generale, si tende a
      
  • favorire l’orientamento dello studente all’interno dell’edificio scolastico;       
  • rendere lo studente consapevole di fare parte di un gruppo inserito in un’organizzazione;       
  • rendere lo studente partecipe della vita della scuola mettendolo a conoscenza dei diritti e dei doveri che regolano l’istituzione scolastica;      
  • portare a conoscenza dello studente le problematiche della sicurezza, dei comportamenti previsti  e delle norme specifiche      
  • rendere trasparenti le norme del regolamento di Istituto fondanti la vita della scuola
 
Il Consiglio di Classe organizza le attività di accoglienza. Nei primi dieci giorni dall’inizio delle lezioni, tutti i docenti sono coinvolti nelle diverse fasi, in particolare per quanto riguarda la necessaria socializzazione tra studenti e docenti e il primo approccio con le singole discipline.
Il Coordinatore della Classe raccoglie informazioni su ogni alunno e coordina le varie fasi dei lavori iniziali del Consiglio di Classe tramite interventi-stimolo, test, relazioni, discussioni collettive, visita della scuola.
In particolare nelle classi prime, sulla base dei risultati emersi dai test somministrati per vagliare le varie competenze di base, si stabilisce di impostare eventuali attività di sostegno svolte preferibilmente nelle ore curricolari, mentre nel mese di Novembre dopo la verifica del lavoro, per alcuni casi molto particolari il Consiglio di Classe può prevedere un incontro con la famiglia per un riorientamento dell’alunno.
 
CONSULENZA E RELAZIONE DI AIUTO – CIC
           
L’Istituto di Istruzione Superiore “Parentucelli-Arzelà” si caratterizza per l’attenzione alla formazione del benessere olistico dello studente e dell’intera comunità scolastica, al miglioramento della qualità di vita nella scuola e all’accrescimento della fiducia e della solidarietà.
L’obiettivo che i docenti della funzione strumentale “Consulenza e relazione di aiuto” si propongono è quello di accompagnare gli studenti, attraverso spazi di ascolto, verso stili di vita più sostenibili, salutari e solidali, sostenerli nel loro processo di “ decision making” e nella presa di consapevolezza rispetto alle scelte di vita quotidiana.
Finalità dell’attività:
      
  • Aiutare lo studente a raggiungere piena consapevolezza di sé e dei propri bisogni, nonché la padronanza delle proprie risorse    
  • Creare all’interno della scuola una cultura che favorisca il benessere della persona    
  • Educare al rispetto di sé e degli altri     
  • Sviluppare le abilità decisionali      
  • Favorire la capacità di relazionarsi positivamente con gli altri.
 
colloqui individuali
presso lo sportello “Cic” sono condotti secondo un approccio fenomenologico-esistenziale non direttivo, centrato sulla persona, in un clima di attenzione e di rispetto. Al centro della relazione vi sono sempre i ragazzi e i loro bisogni. e i suoi bisogni. Attraverso una relazione di fiducia, un ascolto attivo ed empatico, gli studenti riescono a vedere in modo diverso problemi e difficoltà legate alla vita quotidiana.
Il lavoro si sviluppa durante le ore di lezione. Gli studenti concordano con gli insegnanti della classe, con congruo anticipo, l’opportunità di recarsi allo Sportello di Ascolto (Cic).
 
SPORTELLO HELP
L’attività di sportello didattico in orario pomeridiano è attivata, per tutti gli studenti che ne fanno richiesta, a partire dal giorno 6 novembre, conforme allo specifico regolamento (Allegato 1).
Lo sportello HELP costituisce un ottimo strumento di sostegno e di recupero, volto a prevenire l’insuccesso scolastico. Implica un grande impegno di persone e risorse che la scuola mette a disposizione delle famiglie per supportare gli studenti e appare pertanto auspicabile che essi lo utilizzino nel migliore dei modi. Questa attività riveste anche una importante funzione di responsabilizzazione e di educazione dello studente a una prima forma di autovalutazione.
E’, infatti, lo studente che chiede l’incontro con il docente, nel caso in cui:      
  • ritenga di non avere una conoscenza sicura degli argomenti trattati in classe,      
  • non sia stato presente alle lezioni per giustificati motivi,      
  • voglia approfondire alcuni aspetti disciplinari, anche in chiave trasversale.
Ferma restando la libertà didattica del docente che tiene il corso, le attività didattiche previste sono: 
     
  • brevi spiegazioni per piccoli gruppi;      
  • approfondimento degli argomenti studiati;      
  • attività di esercitazione didattica finalizzata a una prova scritta;     
  • correzione esercizi, aiuto nell'esecuzione dei compiti scritti e orali;      
  • attività di recupero di conoscenze poco assimilate;      
  • consulenza metodologica.
 
COMPITI INSIEME

Anche per questo anno scolastico, a partire dal 3 novembre 2014, riprenderà il  progetto “Compiti insieme” che offre agli studenti assistenza gratuita allo studio da parte di ex studenti dell’Istituto laureandi o laureati, particolarmente preparati. L’aiuto è previsto per le discipline ritenute più “ostiche”, in ore  pomeridiane stabilite da un calendario. Per usufruire del servizio non è necessario prenotarsi. Il calendario è pubblicato anche on line nel sito dell’Istituto.
Su richiesta, sarà possibile attivare l’assistenza per altre discipline; per informazioni e chiarimenti, rivolgersi al prof. Raineri o alla prof.ssa Diamanti.


 


AUTOVALUTAZIONE D’ISTITUTO
 
           
           
La stesura annuale del Piano per l'Offerta Formativa diventa occasione di riflessione per la crescita dell'Istituto in termini di aderenza ai bisogni delle famiglie e del territorio, preparazione culturale ed educazione civile degli adolescenti, efficienza organizzativa e funzionale, qualità dell'ambiente scuola, livello professionale degli operatori.
Per rendere possibile questa crescita risulta peraltro necessario verificare i risultati della azioni intraprese negli anni scolastici precedenti, con particolare attenzione al rapporto tra le risorse impiegate e l'efficacia delle azioni. 
In linea con le indicazioni contenute nel “
Regolamento che istituisce e disciplina il Sistema Nazionale di Valutazione delle scuole pubbliche ” approvato dal Consiglio dei Ministri in data 8 marzo 2013 e in linea con la Circolare Ministriale n. 47 del 21/10/14 , Il Dirigente Scolastico ha chiesto al Collegio Docenti di nominare tre docenti quali responsabili dell’autovalutazione d’istituto: Catellani, Giacomelli, Sopracase.
Il Dirigente e i tre docenti dovranno stilare un Rapporto di AutoValutazione (RAV), in simbiosi con le indicazioni fornite dall’INVALSI. L’esito di tale rapporto permetterà, sempre in collaborazione con l’INVALSI, di stilare un Piano di Miglioramento per il prossimo anno scolastico.
I dati indicati dall’INVALSI saranno poi raccolti e inseriti nel portale SCUOLA IN CHIARO
.
 
Nella stesura del Piano dell’Offerta Formativa del nostro Istituto la commissione ha individuato i seguenti fattori di qualità : 
    
  • La flessibilità del POF nella sua struttura               
  • La elaborazione continua del POF da parte della apposita commissione      
  • L’azione di monitoraggio sull'utenza e sul territorio      
  • Il grado di integrazione con le risorse del territorio      
  • La suddivisione delle responsabilità tra i docenti
 
 
 
 
Copyright 2017. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu